Autore Topic: Pracchia - 7 agosto 2015  (Letto 1196 volte)

Teowrc

  • Amministratore
  • Utente storico
  • *****
  • Post: 1733
  • Karma: +0/-0
    • Mostra profilo
Pracchia - 7 agosto 2015
« il: 17 Ottobre, 2015, 18:46:06 »
-------------100 PAESI TOSCANI-----------

Buongiorno e benvenuti al nuovo appuntamento che ci porterÓ ad esplorare brevemente, i numerosi paesi caratteristici della nostra regione. Oggi parleremo di Pracchia (da "pratium" prati) , paese montano in provincia di Pistoia, 616 m di altitudine, che conta poco pi¨ di 300 abitanti. ╚ situato in una ripida e stretta valle, nella quale scorre il fiume Reno (nome di origine celtica che significa "acqua che scorre") , il quale nasce nella frazione di Prunetta e percorrendo ben 211,8 km va a sfociare nel mar Adriatico. La valle, molto profonda, si estende in direzione nord-sud , ed Ŕ soggetta a intense brezze di valle diurne e ad un clima tipicamente montano, nonostante l'altitudine limitata. La temperatura massima assoluta Ŕ stata registrata in agosto 2003 con circa +38 ░C, mentre la minima assoluta di circa -28 ░C Ŕ stata registrata a gennaio 1985. Per quanto riguarda i cenni storici, Pracchia Ŕ stato un importante punto di passaggio per il commercio fra le montagne pistoiesi e le province di Toscana ed Emilia Romagna. Importanti le industrie per la lavorazione del ferro (proveniente dalle miniere dell'isola d'Elba), facilitata dalla forza motrice ricavata dal fiume, e dalla reperibilitÓ di legna come combustibile. E proprio qui Ŕ iniziata la costruzione della prima ferrovia transappenninica terminata nel 1864, che ha portato anche alla deviazione del fiume Reno per facilitarne il passaggio. Qui fu costruita la prima macchina perforatrice che ha consentito di scavare le numerose gallerie ancora oggi in uso. I bacini idrici di Pavana e Suviana a valle di Pracchia sono nati a supporto di questa linea ferroviaria. Tutto ci˛ porto' alla costruzione di nuovi insediamenti per gli operai e all'accrescimento demografico della zona. Da visitare la vecchia stazione, le antiche ferrerie Sabatini e i gli stabilimenti dove veniva prodotto il ghiaccio. Nelle vicinanze si trova la sorgente di acque oligominerali "Orticaia". Interessanti sono anche gli innumerevoli percorsi e le escursioni da programmare sul posto, che non staremo a menzionare vista l'ampia varietÓ di scelta. A nord ovest si trovano il monte Gennaio (1810m) e il lago Scaffaiolo, a nord est il monte Pidocchia (1296m), e il territorio stesso di Pracchia comprende una parte della foresta di Teso, formata prevalentemente da faggi, castagni e abeti, che ospita esemplari di fauna caratteristici della montagna, come cervi, daini, caprioli, poiane , ed alcune specie di lupo. Per finire vorrei ricordare l' evento meteorologico del dicembre 2009, quando dopo una intensa ondata di pioggia e un repentino innalzamento delle temperature dovuto allo scirocco, che favori ' lo scioglimento del manto nevoso, Si sviluppo' nei pressi di Pracchia una enorme frana stimata dagli 800.000 al 1.000.000 di metri cubi, provocando l' esondazione del fiume Reno, mettendo a rischio ed isolando per alcuni giorni la popolazione locale.

Se avete altre curiositÓ da raccontarci o foto da inserire non esitate a contattarci.
Aggiungo che se cercate informazioni sui percorsi, le feste paesane e gli alloggi, potete contattare la Pro Loco Pracchia direttamente sulla loro pagina Facebook
Buona serata
Michela
www.meteocampotizzoro.it
‪#‎meteocampotizzoro‬


Veduta dall'alto


Panorama dei primi del novecento


Il fiume Reno


La vecchia stazione


Notturna


Antiche ferrerie Sabatini


Uno dei numerosi percorsi a piedi