Autore Topic: Ugliancaldo - 3 febbraio 2016  (Letto 1384 volte)

Teowrc

  • Amministratore
  • Utente storico
  • *****
  • Post: 1733
  • Karma: +0/-0
    • Mostra profilo
Ugliancaldo - 3 febbraio 2016
« il: 03 Febbraio, 2016, 13:13:26 »
------ CENTO PAESI TOSCANI-----
Ugliancaldo

Buongiorno cari amici, oggi parleremo di Ugliancaldo, bellissimo e antico borgo che si trova nel comune di Casola in Lunigiana, provincia di Massa Carrara.
E situato a 756 m. di altitudine, a dominio delle valli del Lucido e del Tassinaro, sulla cresta delle Alpi Apuane a cavallo tra la Lunigiana e la Garfagnana.
Il Pizzo d'Uccello e il Monte Pisanino fanno da sfondo a scenari naturalistici veramente sorprendenti.
I boschi attorno al paese sono in prevalenza formati da castagni.
Ugliancaldo fu un fiorente centro artigianale, prima sotto i Malaspina di Fosdinovo e del Castel dell'Aquila di Gragnola e poi dal 1418 sotto la cittą di Firenze.
Deve probabilmente il suo nome a quello di un gentilizio romano chiamato "Ulius".
Nella meta' del 1900 venne eseguita la strada carrozzabile che salendo dal borgo di Codiponte raggiunge l'abitato, che un tempo era raggiungibile solo da una mulattiera che saliva da Artigliano, nel punto dove troviamo ancora "la casa del guardia" il guardiano del paese.
Essa si trova all'ingresso del paese ed e' quella che tutti conoscono come la prima casa costruita a Ugliancaldo.
L'antica porta trecentesca nella parte vecchia del borgo, la Chiesa di Sant'Andrea del XV secolo e l'oratorio di San Rocco del XVIII, sono alcuni luoghi di interesse che si possono ammirare in paese.
Gli oratori erano collocati quasi sempre all'ingresso del paese e sulla via di transito; le loro finestrelle erano tenute sempre aperte per consentire ai pellegrini o ai viandanti di affacciarsi per deporre un fiore o dire una preghiera.
In Lunigiana troviamo moltissimi oratori soprattutto dedicati a San Rocco.
In molti edifici compare un fiore a sei petali che appartiene al periodo in cui i Malaspina governavano ancora il territorio.
Purtroppo Ugliancaldo e' stato sempre soggetto a scosse telluriche, tant'e' che dopo quello pił devastante del 1920, nel giugno del 2013 si ebbe un forte terremoto di magnitudo 5.2 della scala Richter, con epicentro tra Fivizzano e Casola, e successivamente altre trecento scosse di magnitudo poco inferiore, che resero inagibili molte case, e crearono danni a molti edifici del borgo.
Gli abitanti si sono per la maggior parte trasferiti nelle grandi citta nel secolo scorso, e come per molte altre zone della Lunigiana i vecchi abitanti, dopo aver ammodernato le antiche case negli anni sessanta, ora tornano a scoprire e riportare in luce quelle che erano le bellezze di un tempo.

Michela Consoloni
Se avete trovato di vostro gradimento il presente articolo vi saremo grati di un "mi piace" o una condivisione.
Vi ricordiamo che potrete trovare tutti i nostri articoli nel forum, all'indirizzo www.meteocampotizzoro.it


Il borgo di Ugliancaldo


Vista dall'alto


La cresta del Pizzo D'Uccello


L'Oratorio di San Rocco


Il borgo




Il torrente Lucido








Panorama


La Chiesa e il campanile