Autore Topic: Colognora di Pescaglia - 21 dicembre 2015  (Letto 1476 volte)

Teowrc

  • Amministratore
  • Utente storico
  • *****
  • Post: 1733
  • Karma: +0/-0
    • Mostra profilo
Colognora di Pescaglia - 21 dicembre 2015
« il: 21 Dicembre, 2015, 15:51:20 »
----CENTO PAESI TOSCANI-----
Colognora di Pescaglia

Buongiorno, proseguiamo il nostro viaggio attraverso i numerosi borghi toscani.
Oggi parleremo di Colognora di Pescaglia, una piccola frazione del Comune di Pescaglia, in provincia di Lucca, che sorge su un colle nella rigogliosa val di Roggio, a circa 600 metri di altitudine.
È noto per essere stato set del film di Spike Lee, "Miracolo a Sant'Anna".
L'origine di Colognora di Pescaglia risale probabilmente al II secolo a.C. Quando arrivarono i coloni latini nel territorio lucchese.
Il nome stesso indicherebbe una chiara origine latina da "coloniola", piccola colonia.
Il paese, accessibile solo a piedi, si è mantenuto intatto nel tempo, ed è totalmente realizzato in blocchi di arenaria, per cui i colori dominanti sono il grigio ed il nocciola.
È caratterizzato da case in pietra unite da volte ed archi, che si susseguono lungo le stradine fatte a ciottoli, che salgono e scendono, all'interno delle mura che in alcuni tratti si sono mantenute intatte.
Al centro del paese si trova la chiesa dei SS. Caterina e Michele, che risale al XVI secolo.
A Colognora il castagno è stato la principale fonte di sostentamento insieme all'allevamento di pecore e maiali.
All'entrata del paese si trova infatti il Museo del Castagno, aperto per conservare le tradizioni legate a questa pianta, che per secoli ha retto l’economia di Colognora e di tante atre zone della lucchesia.
Il museo fondato nel 1985 è ospitato in un' antica abitazione.
Al suo interno sono stati allestiti due percorsi, il primo tratta la lavorazione del legno, la ripulitura delle selve, la raccolta dei frutti, l'essiccazione delle castagne, la battitura delle castagne e infine la molitura, il secondo percorso, finisce il ciclo illustrando la conservazione e l’uso dei prodotti alimentari, ricavati dalle castagne.
All’ingresso del museo è esposto uno spettacolare tronco di castagno con una circonferenza di 5,60 mt, un diametro di 1,80 mt e dalla rispettabile età di 500 anni.

Michela Consoloni
Se avete trovato di vostro gradimento il presente articolo vi saremo grati di un "mi piace" o una condivisione.
Vi ricordiamo che potrete trovare tutti i nostri articoli nel forum all'indirizzowww.meteocampotizzoro.it























































« Ultima modifica: 21 Dicembre, 2015, 17:43:14 da Teowrc »